Pages

Tuesday, July 20, 2010

The man on the Moon - (English)

The partecipation to MoonZoo project and the recent interview with Dr William Keel have rewakened my interest for Apollo missions and the desire to remember those exciting moments. The post is not complete, will not and can not be, considering the complexity and vastness of the topic. In particular the post will focus on the description of the Apollo 11 mission that brought the man on the Moon. More information will require a dedicated web site and not a simple post. (Clicking on the pictures you can see them in original size). Italian version here.

Apollo 11 Logo (Credit: NASA)

From 17th December 1903 to 20th July 1969 less than 66 years have passed.This is the time elapsed between the first man who gets up in flight with an aircraft heavier than air, at beach of Kitty Hawk, and the first man to set foot on the moon in the Sea of Tranquility.
Less than 12 years since the first artificial satellite, the Soviet Sputnik I, and less than 10 years since the first man in space, Yuri Gagarin.

The mission is preceded by a series of preparatory missions that, from Apollo 7 onwards, bring man closer to the objective almost near to touch our natural satellite.

The objective of the mission is to perform a manned moon landing and return to Earth. 

Vehicle Assembly Building (VAB) (Credit: NASA)
The journey that leads the man to the moon starts from very far with the testing and inspection of various components and assembly of the rocket in the Vehicle Assembly Building (VAB) created for this specific purpose enclosing a space of about three million and 600 thousand cubic meters with a height of 160 meters. In the VAB is mounted the Saturn V rocket, the Apollo spacecraft and the umbilical tower.




The Saturn V is composed of 3 stages.

Saturn V - S-IC  (Credit: NASA)
The first stage (S-IC) is about 42 meters high (138 feet) and has a diameter of about 10 meters (33 feet), contains about 1 million and 500 thousands kilograms (3,307,855 pounds) of liquid oxygen and about 640 thousands kilograms (1,426,069 pounds) of kerosene (RP-1). It's equipped with five F-1 engines, of which 4 ring mounted on gimbals to allow to maneuver the carrier, and a centrally located disk, consuming a total of about 13 tons (29,364 pounds) of propellant per second. The empty weight is about 130 thousands kilograms (288750 pounds), fully loaded and about 2 million 260 thousands kilograms (5,022,674 pounds).





Saturn V - S-IVB (Credit: NASA)
The second stage (S-II) is about 25 meters high (81.5 feet) and has a diameter of about 10 meters (33 feet), contains about 370 thousands kilograms (821,222 pounds) of liquid oxygen and about 70 thousands kilograms (158,221 pounds) of liquid hydrogen. It's equipped with five J-2 engines, 4 of which ring mounted on gimbals to allow the carrier to operate, and a fixed center.The empty weight is about 36 thousands kilograms (79,918 pounds), fully loaded about 477 thousands kilograms (1,059,171 pounds).

The third stage (S-IVB) is about 18 meters high (58.3 feet) and has a diameter of less than 7 meters (21.7 feet) contains approximately 86 thousands kilograms (192,023 pounds) of liquid oxygen and about 20 thousands kilograms (43,500 pounds of liquid hydrogen. It's equipped with a J-2 engine mounted in a central location. The empty weight is about 11 thousands kilograms (25,000 pounds) fully loaded about 117 thousands kilograms (260,523 pounds).

Instrument Unit (IU) (Credit: NASA)
At the top of the third stage there is the Instrument Unit (IU) with a diameter of less than 7 meters (21.7 feet) and a height of about 1 meter (3 feet) that contains guidance systems, navigation, control equipment, telemetry, communications, tracking, crew safety, environmental control and electric central support. The IU has a weight of about 2.000 kilograms (4,306 pounds). In total, the Saturn V rocket and the Instrument Unit (IU) reach about 86 meters (281 feet) high with a total weight load of approximately 180 thousands kilograms (397,974 pounds) and 2 million and 856 thousands kilograms (6,346,674 pounds) with the full propellants.

Lunar Modul (LM) (Credit: NASA)
Above the Saturn V is located the payload of the mission: the Apollo spacecraft. Sequentially over the Instrument Unit are located the Lunar Module (Lunar Module - LM) and the Service Module (Service Modul - SM), the Command Module (Command Module - CM) and the Tower Rescue (Launch Escape System - SLE).

The Lunar Module (LM-5) consists of two stages: Ascending Stage and Descending Stage.It's about 7 meters wide and about 10 m wide from foot to foot. The system at full load, excluding the crew, weighs 14,000 kilograms. For launch the Lunar Module is included, with legs folded, inside a protective cone being designed for use only in vacuum.

The Service Module (SM-107) contains what is necessary to travel through space: oxygen, producing energy, water, propulsion system and consumables. It's less than 8 meters high with a diameter of about 4.5 meters. The gross weight is about 23 thousands kilograms.

Command and Service Module (CSM) (Credit: NASA)
The Command Module (CM-107) is the basic structure of the system where there are crew members. It's a pressurized cone-shaped structure less than 4 meters high and with a larger diameter of just over 4 meters.It has a takeoff weight of about 5 thousands and 500 kilograms. The base is composed of a heat shield needed for reentry.

Tower Rescue is located at the top of the whole system and is composed of three solid propellant motors. The tower is taller than 11 meters with a base diameter of about 4 meters. Fully loaded weighs about 4.000 kilograms.



The overall system is about 124 meters high and weighs just under 3 million kilograms.

Apollo 11 roll out from VBA directed to 39A Command and Service Module (CSM) (Credit: NASA)
As mentioned in the VAB is also assembled the umbilical tower, 130 meters high (380 feet), and the whole complex, without the propellants must be delivered to launch pad 39A 5 Km and 600 mt away(3.5 miles).


The Crawler (Credit: NASA)
To realize this not easy transportation a special vehicle (crawlers) is created wide 46 meters (135 feet) long 54mt (160 feet) high 8.5 meters (25 feet) capable of handling 2 million and 500 thousands kilograms (6 million pounds) on a leveling platform. The vehicle is mounted on four trucks  each about 3.5 meters tall (10 feet) long and 13.5 meters (40 feet) with 16 motors powered by four 1,000 kw generators generated by two diesel engines to 2750 hp . Top speed is about 1.6 km/h (1 mph) and takes about 6 hours to complete the route.

The launch pad 39A is formed by a concrete block in the shape of a truncated octagonal pyramid covers an area of about 1 square kilometer and which rises up to 30 meters on the surrounding area. Inside there is a canal 30 meters wide can guarantee at launch a stream of about 190,000 liters per minute (50,000 gallons per minute) of water needed to cool the structure and avoid the danger of fire resulting from the use of first stage.

Once reach the launch pad, nine hours before departure, start the procedures for loading the propellants that require approximately 4 hours.

Before going on to describe the launch and the mission is due to introduce its crew.

The crew consists of three elements, two of which will go down physically on the moon while the third remains in orbit around our natural satellite.

From Left - Neil A. Armstrong, Michael Collins, Edwin E. Aldrin Jr (Credit: NASA)

Neil A. Armstrong - NASA Astronaut - Apollo 11 Commander - Born Aug. 5, 1930 in Wapakoneta, Ohio (USA). 4,000 hours of flight at launch time and a space mission on board as commander of Gemini 8.

Michael Collins - NASA Astronaut - Command Module Pilot of Apollo 11 - Born October 31, 1930 in Rome (ITA.) 4,000 hours of flight at launch time and a space mission as pilot on board the Gemini 10.

Edwin E. Aldrin Jr - NASA Astronaut - Apollo 11 Lunar Module Pilot - Born Jan. 20, 1930 in Montclair, New Jersey (USA). 3,500 hours of flight at launch time and a space mission as pilot on board the Gemini 12.

Saturn V lift off (Credit: NASA)
The crew gets on board the elevator that takes them on top of the Saturn V, at more than 100m in 25 seconds, 2 hours and 40 minutes and 40 seconds before launch. Sequentially entering Apollo 11: Neil Armstrong (-2h 34m 44s) in the left seat, Michael Collins (-2h 39m 55s) in the right seat and Edwin Aldrin (-2h 23m 46s) in the center seat. Two hours after the launch is closed the hatch of the spacecraft.At 50 seconds after launch power is transferred to the Saturn V, which becomes independent.At 15 seconds, the driving control is carried on board.Starts the final countdown "12, 11, 10, 9, ignition sequence start, 6, 5, 4, 3, 2, 1, 0, all engine running (Taken by the emotion Jack King "Apollo Voice" made mistake by saying " all engine running), lift-off. "
At 9:32:00 East coast (13:32:00 UTC) the mission that will lead man on the moon start.


Apollo 11 flight plan (Credit: NASA)
After 2m 41.63s the first stage is turned off, it's detached and the second stage motors starts  (+2 m 43.04s). After 3m 17.9s the Rescue Tower is jettisoned.After 7m 40.62s the central engine of the second stage cutoff, after 9m 8.22s are also turned off the engines outside of the second stage, it's detached and the third stage starts (+9 m 12.2s). After 11m 39.33s the third stage is turned off and after 11m 49.33s happens the insertion in Earth orbit. After 2h 44m 16.2s the third stage is ignited for the second time and cut off after 2h 50m 3.03s. After 2h 50m 23.9s starts the translunar orbital mission that will reach the Moon. The rest of the trip does not pass in plain waiting. During the approach is the separation of the Command and Service Module (CSM) from the third stage, 180° rotation, the attachment of LM, a further 180°  rotation and the subsequent continuation of the orbit, after 4h 17m 3s since launch. Is then a  new ignition of jets to change course after 25h 44m 58.64s lasting about 3s.

After 75h 49m 50.37s is spent the engine is re-ignited for insertion into lunar orbit and subsequent insertion into circular orbit at 80h 11m 36.75s from launch.

Starting procedures for the lunar landing. Commander Armstrong and Aldrin pilot moving to the Lunar Module that now is called "Eagle", symbol of the U.S. and of the mission, and the Apollo capsule, is called "Columbia", remembering the spaceship "Columbiad" named by Jules Verne in his novel "From Earth to the Moon." After 100h 12m the CSM is separated from LM, which begins its descent toward the surface while the CSM remains in orbit with only Collins on board.

The descent is smooth. But when the landing zone approaches the area chosen by the onboard computer is unsuitable due to the presence of a crater, and so the landing is made manually. 

The Moon from LM after landing (Credit: NASA)
At 20:17:39 UTC on July 20, 1969 man landed on another celestial body after 102h 45m 39.9s from takeoff. Moon - Sea of Tranquility. Armstrong announced: "Houston, Tranquility Base here. The Eagle has landed".

Starting immediately after the operations to allow the first man to set foot on the moon.At 2:56:48 UTC on July 21, 1969 Commander Neil Armstrong set foot on the moon, and pronounce the historic phrase: "That's one small step for man ... one giant leap for mankind".
video
Video taken from LM (Credit: NASA)

He is reached after 12 minutes even by Edwin Aldrin.

The commemorative plate (Credit: NASA)
During the 2 hours of extravehicular activity (EVA), the two astronauts perform many operations, planting the American flag, installed a laser reflector and a seismic station. Also collect numerous samples of rocks for a total of about 22 kilograms (47 pounds). Among other things abandoned on the lunar surface must be recorded on a plaque installed in memory on a leg of the LM.They rentering the LM at 5:11:13 UTC on July 21, 1969.

Throughout the period of stay on the moon, Michael Collins is in orbit, alone, especially, in the 48 minutes when it loses radio contact with Earth, orbiting behind our natural satellite.

At 17:54:00 UTC the Ascendig Stage of the LM detaches from the Descending Stage to reach  Columbia in orbit. The attachment is perfect at 21:35:00 UTC. The crew of the LM moved in the CMS and the LM is ejected.


At 4:55:52 UTC on July 22, 1969 at 135h 23m 42.28s the CMS engine is ignited to perform the orbit of return. At 16:21:12 UTC on July 24, 1969 near the end of mission the Command Module separates from the Service Module and at 16:35:05 UTC, 3m 5.7s to 195h after its launch, SM is back in the atmosphere.
Command Modul splash down (Credit: NASA)


At 16:50:35 UTC Command Module splashdown in the Pacific Ocean.

The challenge is accomplished.

Half65.
Before closing I want to point out some links used to make this post and where you can learn more:  

L'uomo sulla Luna - (Italiano)

La partecipazione al progetto MoonZoo e la recente intervista al Dr William Keel hanno risvegliato il mio interesse per le missioni Apollo e la voglia di ripercorrere quegli emozionati momenti. Il post non è certo completo, non vuole e non può esserlo, considerando la complessità e vastità dell'argomento. In particolare sarà incentrato sulla descrizione dello svolgimento della missione dell'Apollo 11 che ha portato l'uomo sulla Luna. Maggiori informazioni richiederebbero un sito web dedicato e non un semplice post. (Cliccando sulle foto è possibile vederle nelle dimensioni originali). English version here.

Il distintivo della Missione Apollo 11 (Credit: NASA)


Dal 17 dicembre 1903 al 20 luglio 1969 sono passati meno di 66 anni.
Questo il tempo intercorso dal primo uomo che si alza in volo con un velivolo più pesante dell'aria, dalla spiaggia di Kitty Hawk, al primo uomo che mette piede sulla Luna nel Mare della Tranquillità.
Meno di 12 anni dal lancio del primo satellite artificiale, il sovietico Sputnik I, e meno di 10 anni dal primo uomo nello spazio, Yuri Gagarin.

L'impresa è preceduta da una serie di missioni preparatorie che, dall'Apollo 7 in poi, portano l'uomo sempre più vicino all'obiettivo fino quasi a toccare il nostro satellite naturale.

L'obiettivo che si prefigge la missione è di eseguire un atterraggio sulla Luna con equipaggio e ritornare sulla Terra.

Vehicle Assembly Building (VAB) (Credit: NASA)
Il viaggio che porta l'uomo sulla Luna ha inizio  da molto lontano con i test ed i controlli delle varie componenti e con l'assemblaggio del razzo nel Vehicle Assembly Building (VAB), l'edificio per l'assemblaggio veicoli appositamente costruito che racchiude uno spazio di circa tre milioni e 600 mila metri cubi con un'altezza di oltre 160 mt. Nel VAB viene montato il razzo Saturno V, il veicolo spaziale Apollo e la torre ombelicale.



Il Saturno V è costituito da 3 stadi.

Saturn V - S-IC  (Credit: NASA)
Il primo stadio (S-IC) è alto circa 42 mt (138 piedi) ed ha un diametro di circa 10 mt (33 piedi), contiene circa 1 milione e 500 mila chilogrammi (3,307,855 libbre) di ossigeno liquido e circa 640 mila chilogrammi (1,426,069 libbre) di cherosene (RP-1). E' equipaggiato con 5 motori F-1, dei quali 4 montati ad anello, su giunti cardanici per consentire di manovrare il vettore, ed 1 in posizione centrale fisso, che consumano complessivamente circa 13 tonnellate (29,364 libbre) al secondo di propellente. Il peso a vuoto è di circa 130 mila chilogrammi (288,750 libbre), a pieno carico circa 2 milioni e 260 mila chilogrammi (5,022.674 libbre).







Saturn V - S-IVB (Credit: NASA)
Il secondo stadio (S-II) è alto circa 25 mt (81.5 piedi) ed ha un diametro di circa 10 mt (33 piedi), contiene circa 370 mila chilogrammi (821.,22 libbre) di ossigeno liquido e circa 70 mila chillogrammi (158,221 libbre) di idrogeno liquido. E' equipaggiato con 5 motori J-2, dei quali 4 montati ad anello, su giunti cardanici per consentire di manovrare il vettore, ed 1 centrale fisso. Il peso a vuoto è di circa 36 mila chilogrammi (79,918 libbre),  a pieno carico circa 477 mila chilogrammi (1,059,171 libbre).

Il terzo stadio (S-IVB) è alto circa 18 mt (58.3 piedi) ed ha un diametro di meno di 7 mt (21.7 piedi) contiene circa 86 mila chilogrammi (192,023 libbre) di ossigeno liquido e circa 20 mila chilogrammi (43,500 libbre) di idrogeno liquido. E' equipaggiato con un motore J-2 montato in posizione centrale. Il peso a vuoto è di circa 11 mila chilogrammi (25,000 libbre), a pieno carico circa 117 mila chilogrammi (260,523 libbre).

      Instrument Unit (IU) (Credit: NASA)
      Alla sommità del terzo stadio è collocata la Instrument Unit (IU) con un diametro di meno di 7 mt (21.7 piedi) ed un'altezza di  circa 1 mt (3 piedi) che contiene i sistemi di guida, navigazione, controllo equipaggiamenti, telemetria, comunicazioni, tracciamento, sicurezza equipaggio, controllo ambientale e la centrale di supporto elettrico. La IU ha un peso di circa 2 mila chilogrammi (4,306 libbre).

      In totale il razzo Saturno V e la Instrument Unit  (IU) raggiungono circa 86 metri (281 piedi) di altezza con un peso complessivo a vuoto di circa 180 mila chilogrammi (397,974 libbre) e 2 milioni e 856 mila chilogrammi (6,346,674 libbre) con il pieno di carburante.

      Lunar Modul (LM) (Credit: NASA)
      Al di sopra del Saturno V è collocato il carico pagante della missione: il veicolo spaziale Apollo. In sequenza sopra la Instrument Unit sono collocati il Modulo Lunare (Lunar Module - LM) e il Modulo di Servizio (Service Mosule - SM), il Modulo di Comando (Command Module - CM) e la Torre di Salvataggio (Launch Escape System - LES).

      Il Modulo Lunare (LM-5) è composto da due stadi: lo Stadio di Ascenzione (Ascending Stage) e lo Stadio di Discesa (Descending Stage). E' alto complessivamente circa 7 mt e largo circa 10 mt da piede a piede. Il sistema a pieno carico, escluso l'equipaggio, pesa circa 14 mila  chilogrammi. Per il lancio il Modulo Lunare è inserito con le zampe ripiegate all'interno di un cono protettivo essendo progettato per il solo utilizzo nel vuoto.

      Il Modulo di Servizio (SM-107) contiene quanto necessario al viaggio attraverso lo spazio: ossigeno, produzione energia, acqua, sistema di propulsione e materiali di consumo. E' alto poco più di 8 mt con un diametro di circa 4,5 mt. Il peso a pieno carico è di circa 23 mila chilogrammi.

      Command and Service Module (CSM) (Credit: NASA)
      Il Modulo di Comando  (CM-107) è la struttura di base del sistema dove trovano posto i componenti dell'equipaggio . E' una struttura pressurizzata a forma di cono alta meno di 4 mt e con un diametro maggiore di poco più di 4 mt. Ha un peso al decollo di circa 5 mila e 500 chilogrammi. La base è composta da uno scudo termico necessario per il rientro in atmosfera.

      La Torre di Salvataggio è posta alla sommità di tutto il sistema ed è composta da tre motori a propellente solido. La torre è alta più di 11 mt con un diametro alla base di circa 4 mt. Pesa a pieno carico circa 4 mila chilogrammi.


      Il sistema complessivamente è alto circa 124 mt e pesa poco meno di 3 milioni di chilogrammi.

      Apollo 11 esce dal VAB diretto alla rampa di lancio 39A (Credit: NASA)
      Come accennato nel VAB viene assemblata anche la Torre Ombelicale, alta 130 mt (380 piedi),  e tutto il complesso, privo dei propellenti, deve essere trasportato alla rampa di lancio 39A distante
      5 chilometri e 600 metri (3,5 miglia).

      Il Crawler (Credit: NASA)
      Per realizzare questo non facile trasporto viene realizzato un apposito veicolo (crawler) largo 46 mt (135 piedi), lungo 54mt (160 piedi) e alto 8,5 mt (25 piedi) in grado di movimentare 2 milioni e 500 mila chilogrammi di peso (6 milioni di libbre) su una piattaforma autolivellante. Il veicolo è montato su 4 carrelli cingolati ognuno alto circa 3,5 mt (10 piedi) e lungo 13,5 mt (40 piedi) dotati di 16 motori alimentati da 4 generatori da 1.000 Kw generati da 2 motori diesel da 2.750 cavalli di potenza. La velocià massima e di circa 1,6 Km/h (1 miglio orario) ed occorrono circa 6 ore per compiere il percorso.

      La piattaforma di lancio 39A è costituita da un blocco di calcestruzzo a forma di tronco di piramide ottagonale che copre una superficie di circa 1 chilometro quadrato e che si innalza fino a 30 mt sulla zona circostante. Al suo interno è presente un canale ampio 30 mt in grado di garantire al momento del lancio un flusso di circa 190.000 litri al minuto (50.000 galloni al minuto) di acqua necessaria a raffreddare la struttura ed evitare il pericolo di incendio derivato dall'utilizzo del primo stadio.

      Una volta raggiunta la piattaforma di lancio, nove ore prima della partenza, iniziano le procedure di carico dei propellenti che richiedono circa 4 ore e mezza.

      Prima di passare alla descrizione del lancio e della missione è doveroso introdurre il suo  equipaggio.

      L'equipaggio è composto da tre elementi, due dei quali scenderanno fisicamente sulla Luna mentre il terzo rimarrà in orbita intorno al nostro satellite naturale.

      From Left - Neil A. Armstrong, Michael Collins, Edwin E. Aldrin Jr (Credit: NASA)

      Neil A. Armstrong - Astronauta NASA - Comandante Apollo 11 - Nato il 5 agosto 1930 a Wapakoneta, Ohio (USA). 4.000 ore di volo all'attivo al momento del lancio ed una missione spaziale come comandante a bordo del Gemini 8.

      Michael Collins - Astronauta NASA - Pilota del Modulo di Comando Apollo 11 - Nato il 31 ottobre 1930 a Roma (ITA). 4.000 ore di volo all'attivo al momento del lancio ed una missione spaziale come pilota a bordo del Gemini 10.

      Edwin E. Aldrin Jr - Astronauta NASA - Pilota del Modulo Lunare Apollo 11 - Nato il 20 gennaio 1930 a Montclair, New Jersey (USA). 3.500 ore di volo all'attivo al momento del lancio ed una missione spaziale come pilota a bordo del Gemini 12.

      Il decollo del Saturno V (Credit: NASA)
      L'equipaggio sale a bordo dell'ascensore che li porterà in cima al saturno V, a oltre 100mt di altezza in  25 secondi, 2 ore e 40 minuti  e 40 secondi prima del lancio. In sequenza entrano nell'Apollo 11: Neil Armstrong (-2h 34m 44s) nel sedile di sinistra, Michael Collins (-2h 39m 55s) nel sedile di destra e Edwin Aldrin (-2h 23m 46s) nel sedile centrale. A due ore dal lancio viene chiuso il portello della navicella spaziale.
      A 50 secondi dal lancio l'alimentazione viene trasferita al Saturno V che diventa autonomo.
      A 15 secondi il controllo di guida viene trasferito a bordo.
      Inizia il conto alla rovescia finale "12, 11, 10, 9, inizio sequenza di accensione, 6, 5, 4, 3, 2, 1, 0, tutti il motore sta' funzionando (Preso dall'emozione Jack King "La Voce dell'Apollo" sbagliò dicendo "All engine running"), DECOLLO".

      Alle 9:32:00 ora della costa Est (13:32:00 UTC) avviene il decollo della missione che porterà l'uomo sulla Luna.

      Il piano di volo della Missione Apollo 11 (Credit: NASA)
      Dopo 2m 41.63s viene spento il primo stadio, avviene il distacco e viene acceso il secondo stadio (+2m 43.04s).
      Dopo 3m 17.9s viene espulsa la Torre di Salvataggio.
      Dopo 7m 40.62s viene spento il motore centrale del secondo stadio, dopo 9m 8.22s vengono spenti anche i motori esterni del secondo stadio, avviene il distacco e viene acceso il terzo stadio (+9m 12.2s).
      Dopo 11m 39.33s viene spento il terzo stadio e dopo 11m 49.33s avviene l'inserzione in orbita terrestre.
      Dopo 2h 44m 16.2s viene riacceso il terzo stadio e spento dopo 2h 50m 3.03s.
      Dopo 2h 50m 23.9s inizia la navigazione orbitale translunare che porterà la missione a raggiungere la Luna. Il resto del viaggio non trascorre in semplice attesa. Durante l'avvicinamento avviene la separazione del Modulo di Comando e Servizio (CSM) dal terzo stadio, la rotazione di 180°, l'aggancio del LM, una ulteriore rotazione di 180°e la successiva prosecuzione dell'orbita, dopo 4h 17m 3s dal momento del lancio. Avviene poi una accensione per correggere la rotta dopo 25h 44m 58.64s della durata di circa 3s.

      Trascorse 75h 49m 50.37s avviene la riaccensione dei motori per l'inserzione in orbita lunare e la successiva inserzione in orbita circolare a 80h 11m 36.75s da lancio.

      Iniziano le procedure per l'atterraggio lunare. Il Comandante Armstrong ed il pilota Aldrin si trasferiscono nel Modulo Lunare che prende il nome di "Aquila", simbolo degli Stati Uniti e simbolo della missione, e la Capsula Apollo prende il nome di "Columbia", in ricordo dell'astronave "Columbiad" di Jules Verne nel suo romanzo "Dalla Terra alla Luna".
      Dopo 100h 12m avviene la separazione del CSM dal LM che inizia la sua discesa verso la superficie mentre il CSM rimane in orbita con a bordo il solo Collins.

      La discesa avviene senza difficoltà. Ma al momento dell'atterraggio la zona scelta dal computer di bordo si rivela inadatta a causa della presenza di un cratere e così l'atterraggio avviene in manuale.

      Vista della Luna dal LM subito dopo l'atterraggio (Credit: NASA)
      Alle 20:17:39 UTC del 20 luglio 1969 l'uomo atterra su un altro corpo celeste dopo 102h 45m 39.9s dal decollo. Luna - Mare della Tranquillità. Armstrong comunica: "Houston, qui Base Tranquillità. L'Aquila è atterrata" ("Houston, Tranquillity Base here. The Eagle has landed").

      Iniziano immediatamente dopo le operazioni per permettere al primo uomo di mettere piede sul suolo lunare.
      Alle 2:56:48 UTC del 21 luglio 1969 il Comandante Neil Armstrong mette piede sulla Luna e pronuncia la storica frase: "That's one small step for man ... one giant leap for mankind". (Questo è un piccolo passo per l'uomo ... un grande balzo per l'umanità).
      video
      Video dello sbarco ripreso dal LM (Credit: NASA)

      Viene raggiunto 12 minuti dopo anche da Edwin Aldrin.

      La placca installata sulla gamba del LM (Credit: NASA)
      Durante le 2 ore e mezza di attività extraveicolare (EVA - Extra Vehicular Activity) i due astronauti compiono numerose operazioni, piantano la bandiera americana, installano un riflettore laser ed una stazione sismica. Raccolgono inoltre numerosi campioni di roccia per un totale di circa 22 chilogrammi (47 libbre). Fra le varie cose abbandonate sulla superficie lunare va segnalata la placca installata su una delle gambe del LM a ricordo dell'impresa.
      Rientrano nel LM alle 5:11:13 UTC del 21 luglio 1969.

      Durante tutto il periodo di permanenza sulla Luna Michael Collins è in orbita, solo, soprattutto, nei 48 minuti in cui perde il contatto radio con la Terra, nell'orbitare dietro al nostro satellite naturale.


      Alle 17:54:00 UTC  lo Stadio di Ascenzione del LM si stacca dallo Stadio di Discesa per raggiungere in orbita il Columbia. L'aggancio avviene perfettamente alle 21:35:00 UTC. L'equipaggio del LM si trasferisce nel CMS ed il LM viene espulso.

      Alle 4:55:52 UTC del 22 luglio 1969 a 135h 23m 42.28s dal lancio viene riacceso il motore del CMS per  effettuare l'orbita di rientro. Alle 16:21:12 UTC del 24 luglio 1969 in prossimità del rientro il Modulo di Comando si separa dal Modulo di Servizo ed alle 16:35:05 UTC, a 195h 3m 5.7s dal lancio, avviene il rientro in atmosfera.

      Il Modulo di Comando è ammarato (Credit: NASA)

      Alle 16:50:35 il Modulo di Comando ammara nell'Oceano Pacifico.

      L'impresa è compiuta.

      Half65.

      In chiusura voglio segnalare alcuni link utilizzati per scivere questo post e dove è possibile approfondire l'argomento:
      NASA - Libreria di Immagini dell'Apollo 11
      NASA - Informazioni sulla Missione Apollo
      NASA - Apollo 11 - Informazioni per i Giornalisti (Press Kit)
      NASA - Apollo 11 Timeline

      Sunday, July 4, 2010

      All Possible Nebulae Updated - (English - Italiano)

      LizPeter in the GalaxyZoo Forum create a specific thread with the list of all posted possible nebulae.

      Using this list and the perl program that I used for manage overlapping data (modified for this purpose) I made pdf files with the image and link to SDSS page.

      This is the link with the data updated at 4th July 2010.
      Enjoy

      Half65

      --------------------------------------------------------------------------------------

      LizPeter nel Forum di GalaxyZoo ha creato uno specifico argomento per raccogliere la lista di tutte le possibili nebulose inviate.

      Usando tale lista ed il programma in perl che uso per elaborare i dati delle galassie sovrapposte (modificato per tale scopo) ho creato dei file pdf con le immagini ed il link alla pagina SDSS.

      Questo il link con i dati aggiornati al 4 luglio 2010.

      Buona Visione

      Half65

      Friday, July 2, 2010

      Ursa Minor Dwarf (UMi dSph - UGC 9749) - Nana dell'Orsa Minore - (English - Italiano)

      Ursa Minor Dwarf (UMi dSph - UGC 9749)
      ra: 15:09:08.5 - dec: 67:13:21 - 240.000 l.y. - Spheroidal


      Another satellite galaxy of the Milky Way is the Ursa Minor Dwarf a speroidal galaxy at approximately 240.000 l.y. from Earth.

      It's formed by an old age population of stars and does not appear to have any star formation.

      The galaxy was discovered in 1954 by Albert George Wilson at Lowell Observatory and in one of the smallest and faintest satellite galaxies.

      Half65.

      A special thanks to Dr. Stefan Binnewies & Dr. Josef  Pöpsel for the authorization to use the interesting an beautiful image. 

      Ursa Minor Dwarf (Credit: www.capella-observatory.com - Authors: Dr. Stefan Binnewies & Dr. Josef  Pöpsel)


      Nana dell'Orsa Minore - (UMi dSph - UGC 9749)
      ra: 15:09:08.5 - dec: 67:13:21 - 240.000 a.l. - Sferoidale

      Un'altra galassia satellite della Via Lattea è la Nana dell'Orsa Minore una galassia sferoidale ad una distanza approssimativa di 240.000 a.l. dalla Terra.

      E' formata da una popolazione stellare antica ed apparentemente non presenta formazione stellare.

      La galassia è stata scoperta nel 1954 da Albert George Wilson presso l'Osservatorio Lowell ed è una delle più piccole e deboli delle galassie satellite.

      Half65.

      Un ringraziamento particolare al Dr. Stefan Binnewies & Dr. Josef Pöpsel per l'autorizzazione all'utilizzo della interessante e splendida immagine.